28 Maggio 2024
News
percorso: Home > News > Politica

Alleanza Verdi-Sinistra, ecco i candidati che corrono con Mantellassi

15-04-2024 16:03 - Politica
La prima cosa che salta agli occhi è l'entusiasmo. Condito con qualche sfottò. Che non guasta. Comincia così la presentazione del simbolo e della lista dei candidati di Avs, Alleanza Verdi Sinistra, che appoggia Alessio Mantellassi alle amministrative di Empoli.

Comincia proprio lui, il candidato sindaco che, quando vuole fare dei complimenti a Massimo Marconcini, “anima” di questa alleanza, nonché assessore all'ambiente – e altre deleghe – della giunta uscente, sottolinea: «Io Massimo Marconcini l'ho conosciuto quando si è candidato sindaco, ero alle medie», tanto per sottolineare, bonariamente la differenza d'età.

E lui di rimando: «Però so che quella volta tua nonna mi votò», per rimarcare che quel voto della famiglia Mantellassi non andò, quella volta, al Partito democratico.

Stavolta il problema non si pone. Sono insieme. «Grazie alla scelta di campo che Marconcini ha fatto cinque anni fa, ritenendo giusto appoggiare Brenda Barnini nella corsa a sindaca».

E ancora giù scambio di complimenti: «Il vostro simbolo è davvero bello – sottolinea Mantellassi – e contiene elementi che poi fanno parte dei temi principali del nostro accordo, stipulato prima con il Patto per Empoli e adesso con questa coalizione. C'è il simbolo che richiama alla pace che non è solo un simbolo ma un posizionamento politico; c'è il fatto che, per la prima volta, alle amministrative, la parte sinistra dell'emiciclo parlamentare viene rappresentato da un partito politico e non da una lista civica». Già, perché cinque anni fa, la lista che ha espresso Marconcini come futuro assessore, era “Radici e futuro”. Una lista civica.

«Quell' esperienza di Radice e futuro, nata dalla fusione della sinistra empolese ed Empoli più verde, non aveva all'interno partiti ma “robusti” rappresentanti di partiti politici, con militanze conclamate. Quella lista produsse la mia esperienza in giunta, dove ho vissuto questi cinque anni con un assilo: fare in modo che da civica diventasse un'esperienza legata ai partiti. E oggi sono contento che questo stia accadendo. Sento che c'è un bel clima intorno a questa lista – è l'opinione di Massimo Marconcini – pobabilmente è la vera novità, in città, per le prossime elezioni. I candidati sono tutte persone che hanno qualcosa da dire e da dare. Ne sono fiero. Come ho già detto in altre occasioni, mi sento uno staffettista: ho portato fin qui il testimone, adesso lo cedo ad altri che potranno far bene com'è stato fino a oggi».

Un accordo, quello tra il candidato sindaco espresso dal Pd e l'Alleanza Verdi-Sinistra che ha trovato sintonia su diversi temi: ambiente, sanità, la salvaguardia delle politiche sanitarie locali, temi come facilitazione nell'accesso agli affitti degli alloggi, la questione della soluti dume, i temi ambientali. E dove certe soluzioni alle questioni della politica territoriale non collimano, s'è trovato lo stesso una soluzione. «Ad esempio per quel che riguarda la multi utility dei servizi – spiega Mantellassi – siamo tutti convinti del sostegno alla sua realizzazione. E' sulla questione della quotazione in borsa che abbiamo differenziato: abbiamo deciso di puntare alla ricerca e alla promozione di finanziamenti diversi dalla borsa».

A sottolineare sia il clima piacevole che lo spessore dei temi di cui questa lista si fa carico, sono intervenuti Sandra Giorgetti per i Verdi («la giunta uscente ha lavorato bene, punteremo a mmigliorare gli aspetti già positivi dello sviluppo sostenibile, saremo un persidio a difesa dei valori ambientali»); Diana Kapo di Sinistra Italiana («Se oggi portiamo Avs a sostegno della candidatura di Mantellassi il merito è anche di Massimo Marconcini e di questo dobbiamo essere orgogliosi. La coalizione è nata spontaneamente, abbiamo trovato in maniera naturale i temi in comune, senza la necessità di scontri. E questo potrebbe essere davvero un laboratorio politico, un modello che si potrà esportare a livello metropolitano»). E infine Nicola Ferraro, coordinatore di Sinistra Italiana per l'Empolese-Valdelsa che ha rafforzato il concetto di città-laboratorio («come Avs siamo anche in altri Comuni dell'Empolese-Valdelsa, in alcuni direttamente, in altri con candidati che fanno riferimento a noi. Sono felice che questa lista abbia il simbolo di partiti politici, perché questa moda delle liste civiche, senza riferimenti partitici, a me non piace»).

La lista dei candidati sarà composta da 24 persone. Al momento ne sono stati ufficializzati due terzi. Gli altri nomi saranno resi noti in seguito. Ci sono alcuni reduti da Radici e futuro, altri che, nelle precedenti tornate elettorali erano schierati con Sel, che era la sinistra di opposizione, altri ancora che hanno avuto esperienze passate (come Antonio Cinquini, che è stato assessore nella giunta guidata da Vittorio Bugli) come candidati. Ecco chi correrà per la lista Alleanza Verdi-Sinistra.
  • Maria Grazia Pasqualetti, (pensionata, 40 anni di lavoro nelle scuole dell'infanzia e dei nidi della città;, dal 2004 presidente dell'Aima, l'associazione che si occupa di Alzheimer)
  • Cristian Gaetani, segretario Sel, architetto insegnante precario
  • Marco Mancini coordinatore centro cottura di Empoli
  • Susanna Marconcini dipendente cooperativa
  • David Carpentieri, dipendente Alia
  • Valentina Migliorini, libero professionista del settore della moda
  • Olga Corti, medico, chirurgo plastico
  • Germano Sussi, medico chirurgo
  • Federico Stagi, dipendente Esselunga, si occupa di welfare e miglioramento condizioni lavoro
  • Marco Dicuio consulente di sostenibilità Esg
  • Andrea Balducci, commerciante
  • Belladonna Rosa, rappresentante storica dei Verdi
  • Giovanni Volteggiani, commerciante
  • Antonio Cinquini, architetto
  • Sandra Giorgetti, si occupa di comunicazione, è attivista ambientalista
  • Egidio Raimondi architetto portavoce area metropolitana dei Verdi

Sponsor
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh